Categorie
Sostenibilità

Sostenibilità, da dove incominciare?

La sostenibilità è un concetto molto ampio, se ne sente molto parlare ma le metodologie da applicare al business non sono chiare a tutti, ci si può quindi trovare spiazzati nell’affrontare un percorso verso lo sviluppo sostenibile e non avere ben chiaro come iniziare e che strada intraprendere.

Fare” sostenibilità nelle imprese è certamente un buon proposito, ma per iniziare il percorso è importante disporre degli strumenti di supporto, se non si dispone delle informazioni e delle competenze per intraprendere un progetto di responsabilità, di qualsiasi dimensione sia l’impresa, ecco un modello utile per iniziare.

Partiamo dal presupposto che “fare” sostenibilità significa impegnarsi oltre agli obblighi di legge sui tre pilastri fondamentali della sostenibilità: economica, sociale ed ambientale.

La storicità dell’Impresa ed i suoi valori fondanti costituiscono la base per l’analisi del contesto. Probabilmente nel tempo sono già state sviluppate inconsciamente delle azioni responsabili riconducibili a questi temi, ma forse venivano considerate esterne od accessorie, perché la sostenibilità non era ancora incorporata nelle strategie d’Impresa.

Esiste un modello chiamato Sustainable Business Model Canvas © (SBMC), che è uno strumento strategico di business design, che può aiutarvi nell’analisi interna per la rappresentazione visiva dell’impresa nell’ottica di sostenibilità.

SBMC è semplice ed efficace, permette di adottare nella fase di studio del contesto d’Impresa un approccio olistico, sistemico ed integrato sui temi dello sviluppo sostenibile, il modello:

  •  semplifica l’ANALISI dell’operatività sui temi della sostenibilità
  • favorisce il DIALOGO ed il ragionamento sulle strategie
  •  coinvolge il MANAGEMENT nell’analisi delle aree di gestione
  •  aiuta la PROGETTAZIONE delle strategie di sviluppo sostenibile

OBIETTIVI – Sviluppare la consapevolezza ed il commitment della Direzione per coinvolgere il management in una progettazione partecipata e consapevole volta alla definizione della roadmap per lo sviluppo sostenibile.

AZIONI – Attraverso una serie di incontri è possibile analizzare progressivamente tutte le aree di business dell’impresa e comprendere il suo contesto valutando gli aspetti di sostenibilità.

1) Identificare e mappare gli STAKEHOLDER.

2) Analizzare punti di forza, debolezze, opportunità e minacce attraverso una SWOT sulla sostenibilità.

3) Valutare la GOVERNANCE analizzando le pratiche gestionali e il codice etico.

4) Verificare consapevolezza della applicazione dei PRINCIPI di sviluppo sostenibile.

5) Comprendere precedenti impegni e azioni in riferimento agli OBIETTIVI di sviluppo sostenibile
Verificare le azioni sui temi della sostenibilità economica, sociale ed ambientale.

6) Analizzare il CONTESTO dell’impresa.
7) Comprendere il MERCATO di riferimento.
8) Analizzare PRODOTTI/SERVIZI strategici. 
9) Valutare le RISORSE disponibili.
10) Analizzare OBIETTIVI passati e futuri

RISULTATI – Disporre di solide basi per orientare il miglioramento attraverso la definizione delle strategie e degli obiettivi di sviluppo sostenibile attraverso:
– un canvas che riporta visivamente le parole chiave della sostenibilità
– un documento di reportistica con dati quali-quantitativi dell’analisi
– una lista di indicazioni per migliorare la sostenibilità del business

BENEFICI – Al termine del percorso  il management prenderà coscienza del valore della sostenibilità, sarà dunque in grado di comprendere ed inserire i temi rilevanti nelle strategie d’Impresa e definire nuovi obiettivi per cogliere al meglio le opportunità dello sviluppo sostenibile.

COPYRIGHT Sustainable Business Model Canvas SBMC © è uno strumento operativo per progettare percorsi di sviluppo sostenibile attraverso l’analisi dell’impresa nel suo contesto attuale, ideato e sviluppato da LOCOM che ne detiene i diritti diritti d’autore.

Categorie
Sostenibilità

Un festival all’insegna della sostenibilità

È stato tutto all’insegna della sostenibilità l’evento veronese “Festival Internazionale dei Giochi in strada”, giunto quest’anno alla sua 18° edizione sulla pittoresca piazza di Verona, tenutosi dal 17 al 20 settembre 2020. Per il quinto anno consecutivo ha ottenuto la certificazione del proprio sistema di gestione “sostenibile” secondo lo standard ISO20121 “Sustainable event management” su tre macrolivelli ambientale, sociale ed economico, con un occhio di riguardo per gli obiettivi di sviluppo sostenibile segnalati nell’Agenda 2030. Si riconferma l’unico evento certificato della città.

Categorie
Bilancio Sociale Sostenibilità

Percorsi di reporting, fra nuove tendenze e piccole grandi attenzioni

In questo periodo, in cui molte aziende si sono approcciate alle fatiche del reporting di sostenibilità, vi sono almeno quattro visioni, su questa pratica, che si stanno diffondendo sia nelle aziende che sono soggette alla dichiarazione di carattere non finanziario, normata nel nostro ordinamento dal d.lgs. 254/2016, che nelle aziende che intraprendono questo percorso in modo del tutto volontario.

Categorie
Bilancio Sociale Sostenibilità

Anche i numeri possono catturare l’attenzione

Il ruolo di Forest Hand all’interno di TW 36 è  quello di comunicare agli Stakeholder i contenuti del Report di Sostenibilità attivandosi nell’ultima fase del percorso che porta alla sua realizzazione e che vede coinvolti nelle loro specificità i cinque Partner del Team.

Categorie
Sostenibilità

La sostenibile leggerezza dell’economia

“Le gravi catastrofi naturali reclamano un cambio di mentalità
che obbliga ad abbandonare la logica del puro consumismo e
a promuovere il rispetto della creazione”
Albert Einstein

Nell’era post-Covid siamo tutti in attesa di una svolta, una ripartenza che possa ricollocare il lavoro al centro dell’agenda di “cose urgenti da fare”: non c’è più nulla di scontato. E non c’è più nulla di così assodato al punto da “dormire sogni tranquilli”.

Categorie
Sostenibilità

Al via la partnership tra TW36 e Ingeco, studio di ingegneria e consulenza ambientale

Nuova partnership tra TW36, gruppo di società e professionisti con competenze di Progettazione, Rendicontazione, Storytelling e Comunicazione di comprovata esperienza multisettoriale condivisa nella realizzazione della Reportistica di Sostenibilità, e Ingeco, di Verona, studio di ingegneria e consulenza strategica ambientale. Si aggiunge così un quinto tassello importante alle quattro aree di intervento specialistiche di TW36, ovvero quello della Valutazione ambientale.

Categorie
Sostenibilità

Partnership Profit e No_Profit per lo sviluppo sostenibile

Le partnership presuppongono una relazione alla pari tra diversi soggetti che condividono i medesimi obiettivi: questo è il punto di partenza per impostare delle collaborazioni che portino risultati positivi e che durino nel tempo. 

Il settore profit e il no profit potrebbero sembrare lontani per finalità, in questo periodo invece i loro interessi sembrano convergere verso un obiettivo comune rappresentato dallo sviluppo sostenibile, ed entrambi ne potrebbero trovare giovamento.

Categorie
Sostenibilità

La linea sottile… tra il fare e il comunicare!

In questo periodo di difficoltà le Imprese hanno dovuto sospendere o ridurre le proprie attività dedicandosi solo alle azioni operative strettamente necessarie. Ciò che invece non si è fermato è la forte attività di comunicazione, che ha dato vita perfino al neologismo infodemia composto da: info(rmation) [informazione] ed (epi)demic [epidemia] che significa la “circolazione di una quantità eccessiva di informazioni, talvolta non vagliate con accuratezza, che rendono difficile orientarsi su un determinato argomento per la difficoltà di individuare fonti attendibili”.

Categorie
Sostenibilità

Così cambierà la nostra vita?

Lavoro, spesa, viaggi, come cambierà la nostra vita dopo lo tsunami del coronavirus? Possiamo affermare che “nulla sarà più come prima o quasi”? Non lo sappiamo con certezza. Ciò che è certo è che di cambiamento epocale ci sentiamo di parlare, in termini di coscienza e di percezione e abitudini quotidiane. Lo smart working è sotto la lente d’ingrandimento e sta spopolando, per cause di forza maggiore, ma si tratta di un vero e proprio switch mentale che pare vada proprio verso una “ri-umanizzazione” dei processi lavorativi e anche dello stile di vita di ognuno di noi. Più sostenibile? Senza dubbio. Pensiamo alla riduzione del pendolarismo che significa meno affollamento sulle strade e meno inquinamento e aria più salutare. Pensiamo al percorso di studi telematico, testato, seppur con iniziale difficoltà, dagli istituti scolastici di ogni ordine e grado. Pare che sia diminuita sul lungo periodo la volontà di affollare centri commerciali, prediligendo e-commerce e piccole botteghe: sarà il passato a farla da padrone in questo post-coronavirus?

Categorie
Sostenibilità

Resilienza italiana

Nella Nuova Era che verrà, perché è di questo che si parla, sarà importante sapersi adattare al cambiamento, evolversi e divenire resilienti.

Nell’ultimo anno ho letto la parola resilienza in infiniti contesti spesso abusata, male utilizzata ed erroneamente interpretata come se l’usarla in tutti gli ambiti facesse diventare interessante il discorso.